Gli stipendi dei giovani laureati, chi guadagna di più?

In realtà la domanda posta nel titolo non è molto indicativa, forse era meglio scrivere “chi guadagna di meno”!
In ogni caso, grazie all’immensa mole di dati raccolti dall’annuale censimento Almalaurea, è possibile dare un’occhiata agli stipendi dei laureati italiani a 12 mesi dalla conquista dell’agognato diploma.
Questi dati sono interessanti innanzitutto perché sfatano una serie di leggende metropolitane che erano fiorite sull’importo degli stipendi di qualche particolare gruppo disciplinare, in particolar modo degli ingegneri. In secondo luogo si evidenzia che la crisi economica c’è per tutti, anche se la situazione risulta molto più difficile se si è neolaureati in discipline umanistiche.

Da notare che i dati sono estremamente rappresentativi in quanto sono stati raccolti in base alle risposte date da oltre 150mila laureati, nell’anno di indagine 2011.

Fate bene attenzione: a 12 mesi dal conseguimento dell’alloro, un laureato in Italia guadagna mediamente 993 euro netti al mese!
Se ha la fortuna di avere un lavoro a tempo pieno, porta a casa 1.240 euro; se invece lavora part-time 568.
Le donne ancora una volta sono svantaggiate rispetto ai maschi: se sono a tempo pieno guadagnano 1.170 euro, contro i 1.323 degli uomini; se sono part-time ricevono 550 euro mensili, mentre 609 ne ricevono i maschi.

E ora vediamo la tabella che riporta gli stipendi medi mensili sulla base della laurea raggiunta.

Gruppo DisciplinareUominiDonneMedia
Totale1.127904993
Agraria991768905
Architettura912700801
Chimica-Farmaceutica1.1331.0791.096
Economia-Statistica1.1689951.052
Educazione Fisica832724786
Geologia-Biologia950752826
Gruppo Giuridico1.200832984
Ingegneria1.1639831.127
Insegnamento1.174936956
Gruppo Letterario878697751
Gruppo Linguistico911798813
Settore Medico1.3171.2171.268
Politico-Sociale1.185880990
Psicologico957662709
Scientifico1.0938621.026

Come si può vedere, a 12 mesi dalla laurea non ci sono notevoli differenze fra i vari gruppi disciplinari, anche se si nota che un laureato nel settore medico guadagna mediamente il 50% in più di un laureato in lettere o in educazione fisica. Particolarmente preoccupante è la situazione dei laureati in Psicologia.

Precisato questo, le differenze reali balzeranno subito agli occhi quando prenderemo in esame gli stipendi dei laureati a 36 mesi dal diploma, argomento che sarà oggetto di un prossimo articolo.
Tenetevi pronti (e non scoraggiatevi troppo).

12 luglio 2012

Tag:,

Commenti (1)

 

  1. Valeria scrive:

    è disgustoso vedere come le donne guadagnano meno degli uomini anche nel 21esimo secolo…vergogna

Lascia un Commento